Giovanni Robert Barcellona 2016

VEURE #2

Attraverso l’arte Robert Llimós racconta un sorprendente contatto con entità extraterrestri

L’ 8 giugno si è inaugurato, presso l’Espai Marc Llimós, il secondo appuntamento di VEURE, la doppia mostra che rende omaggio alla carriera quarantennale dell’artista catalano Robert Llimós. Se a Roma la mostra si é svolta in uno spazio espositivo tradizionale (VEURE #1, dal 15 marzo al 16 aprile c/o Fondazione Pastificio Cerere), a Barcellona i lavori sono inseriti nel loro habitat originario – l’atelier dell’artista – creando un percorso retrospettivo che si estende fino al porto della città, dove é possibile ammirare l’opera pubblica più importante di Llimós, la sagoma sognante del Miraestels (2006). La mostra é ancora visitabile fino all’8 luglio 2016. Assolutamente da non perdere!!! Per info www.robertllimos.es

Nella foto il nostro inviato Giovanni Cavaliere con l’artista Robert Llimós

Pietro Di Mercione

Share
Toulouse Lautrec

TOULOUSE-LAUTREC

La mostra ancora per pochi giorni all’Ara Pacis di Roma

Circa 170 opere provenienti dal Museo di Belle Arti di Budapest, in esposizione fino all’8 maggio al Museo dell’Ara Pacis di Roma in una interessante mostra su Toulouse-Lautrec, il pittore bohémien della Parigi di fine Ottocento, che ripercorre la vita dell’artista dal 1891 al 1900, poco prima della sua morte avvenuta a soli 36 anni. Per info www.arapacis.it

Giovanni Cavaliere

Share
e la musica mi gira intorno

…E LA MUSICA MI GIRA INTORNO

Maurizio Casagrande racconta la sua vita in musica

Maurizio Casagrande è ancora in scena al Teatro Golden di Roma fino al 17 aprile con “…e la musica mi gira intorno”, di cui ne è autore, regista e interprete. 50 anni di vita raccontata attraverso la musica, accompagnato da una band, ripercorre la sua vita legando i ricordi più significativi alla canzone del momento: ogni canzone da lo spunto di raccontare al pubblico aneddoti e pezzi di vita vissuta. Si parte dagli anni 50 dove i genitori di Maurizio si conoscono in un’atmosfera retrò; poi si passa agli anni 60 con canzoni legate al periodo della sua infanzia; dopodiché si passerà agli anni 70, gli anni della musica Rock di Maurizio Musicista. Poi spazio agli anni 80 dove c’è il dubbio: attore o musicista… spensierati anni della gioventù. Poi anni 90 dove si parla d’amore quasi in chiave Musical attraverso i grandi successi di Zucchero e per finire con delle divertenti riflessioni sui giorni nostri. Così Casagrande smette i panni dell’attore e del comico per prendere quelli più inusuali di musicista, batterista e cantante. Uno show poliedrico tra musica, sketch comici, racconti e aneddoti. Per info www.teatrogolden.it

Giovanni Cavaliere

Share
Veure_RobertLlimós_SpazioCerere_13

VEURE #1

Alla Fondazione Pastificio Cerere gli ALIENI di Robert Llimós

Dal 15 marzo al 16 aprile l’artista catalano Robert Llimós sarà protagonista della mostra itinerante, VEURE #1, presso la Fondazione Pastificio Cerere di Roma. Oltre 50 opere, tra dipinti, sculture, incisioni e disegni che raffigurano creature dall’aspetto enigmatico, provenienti da altre galassie, che ci riportano al costante interrogativo sulla vita extraterrestre. L’esposizione è stata concepita come un racconto, il cui obiettivo è avvicinare il pubblico alla ricerca e alla poetica di Llimós, capace di meravigliare e far riflettere grazie ai soggetti prediletti della sua più recente produzione: gli alieni. Attraverso un sapiente gioco di specchi, le opere si moltiplicano all’infinito in un suggestivo caleidoscopio in cui si mescolano tecniche e generi artistici diversi. Un’atmosfera surreale avvolge lo spettatore, la cui immagine – riflessa insieme a quella delle figure aliene – invita a meditare sulla propria condizione di uomini. Per permettere anche ai più piccoli di conoscere meglio l’opera dell’artista, la Fondazione Pastificio Cerere organizza dei laboratori creativi rivolti ai bambini in collaborazione con l’Associazione Informadarte. I partecipanti e le loro famiglie fruiranno di una piccola visita guidata dell’esposizione a cui seguirà un’attività pratica. Spazio Cerere, Via degli Ausoni 3 / Fondazione Pastificio Cerere Via degli Ausoni 7 lunedì – venerdì 15.00-19.00, sabato 16.00-20.00  www.pastificiocerere.it  La mostra a giugno si sposterà nella casa-studio dell’artista a Barcellona.

Giovanni Cavaliere

Share
Maxxi Ad occhi chiusi

AD OCCHI CHIUSI

Uno spettacolo itinerante dedicato al tema della violenza sulle donne, tratto dal libro di Gianrico Carofiglio

“Ad occhi chiusi”, uno spettacolo teatrale sperimentale tratto dall’omonimo romanzo di Gianrico Carofiglio. L’impalcatura narrativa divide il pubblico in tre parti. Ogni parte si concentra sulla storia di un personaggio e lo spettatore può conoscere solo il punto di vista del personaggio seguito e quindi farsi un’idea parziale della storia. Le performance si svolgono in contemporanea nella stessa sera e i tre punti di vista s’intrecciano per raccontare l’intera storia di un processo per stalking. L’ambientazione varia a seconda di ogni singolo avvenimento che coinvolge i protagonisti in una sorta di “teatro itinerante” in cui il pubblico partecipa attivamente. Gli spettatori ogni sera vengono suddivisi in tre gruppi da 12 persone ciascuno e per questo è necessaria la prenotazione obbligatoria tramite sms al 392 847 02 75 o scrivendo a adocchichiusievento@gmail.com. A prenotazione effettuata si verrà a conoscenza del luogo di inizio dello spettacolo e di quale punto di vista dei protagonisti si seguirà. Per lo spostamento da un luogo all’altro, gli spettatori si muoveranno in macchina con gli attori. Lo spettacolo è ideato e diretto da Carlo Fineschi e prodotto dall’Associazione culturale L’Albatro. Tra gli interpreti: Adelmo Togliani, Chiara Ricci, Sara Allegrucci, Matteo Bolognese, Edoardo Ciufoletti, Valeria Mafera, Matteo Milani, Camillo Ventola, Rosalba Battaglia, Chiara Della Rossa, Carlo Petruccetti, Alice Iacono e Salvatore Costa. Lo spettacolo sarà ancora in scena il 16, 17, 18 e 19 marzo, ore 21.00 con nuove repliche nei giorni 30, 31 marzo e 1 aprile (vietato ai minori di 18 anni) Per info: www.fondazionemaxxi.it

Giovanni Cavaliere

Share
Antonio

FEP EUROPEAN PROFESSIONAL PHOTOGRAPHER OF THE YEAR AWARDS 2016

Trionfa l’ITALIA con Antonio BARRELLA – MIGLIOR FOTOGRAFO Europeo 2016

Il FEP European Professional Photographer of the Year Awards 2016 è stato presentato il 13 marzo durante l’evento Expofoto a Santa Maria de Feira, in Portogallo. Tra migliaia di immagini di diverse centinaia di fotografi provenienti da tutta Europa è stato proclamato vincitore di questa edizione 2016 il fotografo italiano Antonio Barrella. Dopo aver ottenuto il QEP nel 2014, il Master QEP nel 2015, quest’anno ha vinto il FEP European Commercial Golden Camera, la European Fashion Golden Camera 2016 e con questa ultima serie di immagini presentate per la categoria “fashion”, ha conseguito il titolo del vincitore assoluto, FEP European Professional Photographer of The Year 2016  Per info www.europeanphotographers.eu

Giovanni Cavaliere

Share
buccirosso

UNA FAMIGLIA QUASI PERFETTA

Ancora per pochi giorni alla Sala Umberto di Roma

“Una famiglia quasi perfetta”, la divertente commedia in scena alla Sala Umberto di Roma fino al 14 marzo, vede al centro della storia una pacifica famigliola, lui affermato psicologo, lei insoddisfatta casalinga che sembrano vivere in apparente armonia assieme al loro figlioletto, adottato sin dall’età di sei anni e che ora appare come il loro principale punto di riferimento. Un giorno però un inaspettato evento turberà la pace familiare: il padre naturale dell’amato figliolo piomberà nelle mura domestiche a recriminare la paternità di suo figlio… La commedia scritta, diretta e interpretata da Carlo Buccirosso, vede tra gli altri interpreti: Rosalia Porcaro, Gino Monteleone, Davide Marotta, Tilde De Spirito, Peppe Miale, Fiorella Zullo e Giordano Bassetti. Per info: www.salaumberto.com (Foto di Gilda Valenza)  

Giovanni Cavaliere

Share
Tirabassi Coatto Unico

COATTO UNICO SENZA INTERVALLO

Giorgio Tirabassi da voce e vita ad un divertente ritratto umano della “Roma di periferia”

Nato quindici anni fa, con il titolo di “Coatto Unico”, lo spettacolo era stato concepito per essere rappresentato solo in spazi appositamente allestiti nelle varie periferie romane e nel carcere di Rebibbia. Nel 2006 con il nuovo titolo “Coatto Unico Senza Intervallo” e, dopo essere stato arricchito di nuovi “ritratti umani”, ha varcato i confini cittadini. Protagonisti sono, appunto, i “coatti” che trascorrono buona parte della loro vita nello stesso quartiere, con gli stessi amici e nello stesso bar di sempre, dove fanno le stesse battute e ridono delle stesse cose. Giorgio Tirabassi, ne fa un quadro ironico e spietato dando vita e voce a molteplici personaggi, attraverso le conversazioni rubate in un bar, su un autobus affollato o in un grande magazzino nelle ore di punta, il tutto narrato e cantato attraverso i suoni del blues, dello stornello e del rap, grazie anche all’apporto musicale di Daniele Ercoli al Contrabbasso e Giovanni Lo Cascio alle Percussioni. Lo spettacolo, diretto, interpretato e scritto da Tirabassi – insieme a Daniele Costantini, Stefano Santarelli, Loredana Scaramella e Mattia Torre – è in scena fino a domenica 7 febbraio alla Sala Umberto di Roma Per info www.salaumberto.com

Giovanni Cavaliere

Share
SISTERACT 2

SISTER ACT – IL MUSICAL

Uno spettacolo da non perdere: ancora per pochi giorni al Teatro Brancaccio di Roma

Lo spettacolo, con l’ottima regia di Saverio Marconi, è un concentrato di allegria e divertimento: un musical per tutti, un’occasione per trascorrere due ore spensierate e divertenti, con un cast composto da 23 talenti tra cui Belia Martin, nel ruolo di un’incontenibile Deloris Van Cartier, Pino Strabioli (nei panni di Monsignor O’Hara), Francesca Taverni, una rigorosa Madre Superiora e Suor Cristina che si alterna con Veronica Appeddu nel ruolo della novizia Suor Maria Roberta. Una storia dinamica, piena di ritmo tra gangster, inseguimenti, colpi di scena, preghiere, paillettes e con un finale elettrizzante. Il tutto coronato da venticinque splendidi brani musicali scritti dal premio Oscar Alan Menken. Tantissima musica, dunque, voci straordinarie e coreografie originali, coronate da splendidi costumi e suggestive scenografie, valorizzate da straordinari “giochi di luce” . Una complessa macchina teatrale che da vita ad uno spettacolo coinvolgente e “mai noioso”, reso possibile anche dall’egregio lavoro del “dietro le quinte”. In sintesi, semplicemente un musical da non perdere. In scena al teatro Brancaccio di Roma fino al 31 gennaio. Per info: www.teatrobrancaccio.it e www.sisteractilmusical.it

Giovanni Cavaliere

Share
TRIBES

TRIBES

Uno spettacolo che affronta con originalità il tema della sordità: ancora per pochi giorni in scena al Piccolo Eliseo di Roma

“Tribes”, scritto dalla drammaturga britannica Nina Raine, è uno spettacolo tragicomico che affronta, con acutezza e originalità, il tema della sordità. Lo spettacolo ben diretto da Elena Sbardella e interpretato con “estrema naturalezza” da tutti gli attori in scena – Stefano Santospago, Ludovica Modugno, Barbara Giordano, Luchino Giordana, Federico D’Andrea, Alice Spisa / Deniz Özdoğan – è incentrato su una famiglia di origini ebraiche. Una comunità familiare udente, con le sue regole, i suoi valori, le sue idiosincrasie. A capo ci sono Beth e Christopher, genitori di Daniel, Ruth e Billy. Quest’ultimo è sordo dalla nascita e nel momento in cui incontra Sylvia, una giovane donna nata da genitori sordi che sta per perdere l’udito, entra in contatto con la lingua dei segni e con la famiglia allargata della comunità sorda. Gli equilibri si alterano: Billy è disposto ad abbandonare il suo nucleo di provenienza e Sylvia ormai quasi del tutto sorda, non riconosce più neanche se stessa in tutto quel silenzio…Lo spettacolo, con sopratitoli per sordi, sarà in scena al Piccolo Eliseo di Roma fino al 24 gennaio. Per info: www.teatroeliseo.com

Giovanni Cavaliere

Share