arturo-brachetti-bis

SOLO – THE LEGEND OF QUICK CHANGE

Brachetti apre le porte della sua casa: tra sogni, ricordi e fantasie…

Dopo il debutto in Francia, Italia e Svizzera ritorna Arturo Brachetti nel suo coinvolgente one man show SOLO (https://www.youtube.com/watch?v=2RKkr0V6SbA). Dopo il trionfo dei suoi precedenti spettacoli, L’uomo dai mille volti e Ciak!, un ritorno alle origini per Brachetti che in questo spettacolo apre le porte della sua casa, fatta di ricordi e di fantasie, dove gli oggetti della vita quotidiana prendono vita, conducendoci in mondi straordinari dove il solo limite è la fantasia. Reale e surreale, verità e finzione, magia e realtà: tutto è possibile insieme ad Arturo Brachetti. Protagonista è il trasformismo, con oltre 60 personaggi. Ma in SOLO Brachetti propone anche un viaggio nella sua storia artistica, attraverso le altre discipline in cui eccelle: grandi classici come le ombre cinesi, il mimo e la chapeaugraphie, e sorprendenti novità come la poetica sand painting e il magnetico raggio laser, un sorprendente mix tra scenografia tradizionale e videomapping. Dai personaggi dei telefilm celebri a Magritte e alle grandi icone della musica pop, passando per le favole e la lotta con i raggi laser in stile Matrix, Brachetti da vita a 90 minuti di vero spettacolo pensato per tutti. Il Tour prosegue in Italia ed Europa https://brachetti.com/tour-spettacoli/   Per info www.brachetti.com

Giovanni Cavaliere

Share
diabolik-sono-io

DIABOLIK SONO IO

Al Cinema un’evento speciale dedicato al Re del Terrore.

Il docu-film, con la regia di Giancarlo Soldi, propone un inedito identikit del mitico ladro creato dalle sorelle Giussani, raccontando anche il mistero del primo disegnatore di Diabolik che, dopo aver consegnato le tavole dell’albo d’esordio della saga, è inspiegabilmente scomparso senza lasciare tracce. In sala in un evento speciale dall’11 al 13 marzo. Per info www.nexodigital.it e/o www.diabolik.it

Giovanni Cavaliere 

Share
marcello-mastroianni

MARCELLO MASTROIANNI

Una Mostra all’insegna dell’UMILTA’ artistica ed umana

L’esposizione ripercorre, attraverso una ricca galleria fotografica, la vita e la carriera di Mastroianni. Dagli esordi con Riccardo Freda nel 1948 alla collaborazione con Visconti e Fellini. Più di cento film tra gli anni 40 e la fine dei 90 oltre ai molti riconoscimenti internazionali: tre candidature all’Oscar come Miglior Attore, due Golden Globe, otto David di Donatello, due premi per la migliore interpretazione maschile al Festival di Cannes e due Coppa Volpi al Festival di Venezia. Ma la cosa che colpisce in questa mostra, curata egregiamente da Gian Luca Farinelli, è il non essere mai autocelebrativa, rispecchiando appieno la vita e la personalità di Marcello Mastroianni, delineandone, oltre al profilo artistico, soprattutto quello umano. Vengono così ripercorsi delicatamente anche i tratti di vita privata e familiare a cui era molto attaccato e che talvolta, volutamente, ne diventano protagonisti, così come, paradossalmente, gli altri attori, che Marcello amava: Gary Cooper, Clark Gable, Tyrone Power, John Wayne, Greta Garbo, Jean Gabin, Vittorio De Sica, Anna Magnani, Aldo Fabrizi, Amedeo Nazzari, Totò e soprattutto Fred Astaire. Sicuramente una mostra DA VEDERE, per ripercorrere la carriera cinematografica e teatrale di uno degli attori italiani più rappresentativi, ma soprattutto perché è anche un insegnamento di vita e di umiltà… Ancora per pochi giorni fino al 17 febbraio presso lo spazio espositivo del MUSEO ARA PACIS di Roma. Per info www.arapacis.it

Giovanni Cavaliere

Share
set-la-guerra-dei-cafoni

FESTA DO CINEMA ITALIANO

La Guerra dei Cafoni: il dialetto pugliese incontra il pubblico portoghese

L’eterna lotta tra ricchi e poveri rivive in una guerra tra due bande di adolescenti nel film “La guerra dei Cafoni”, di Davide Barletti e Lorenzo Conte, presentato in concorso alla Festa do Cinema Italiano in Portogallo (www.festadocinemaitaliano.com).Protagonista è una Puglia inedita e sorprendente, lontana dallo stereotipo cinematografico e rappresentata da una polifonia di dialetti. Ma la vera originalità del film è il fatto di essere stato girato con attori, quasi tutti adolescenti pugliesi non professionisti, recuperati dalle scuole, campi di calcio, stabilimenti balneari, dalla strada… I ragazzi hanno frequentando per due mesi un laboratorio gratuito di formazione, apprendendo le nozioni fondamentali del mondo del cinema. EVVIVA!!! Finalmente un modo originale, costruttivo, innovativo ed economico di produrre e realizzazione un’opera filmica di qualità. Per ulteriori approfondimenti potete consultare la pagina facebook ufficiale del film (Nella foto: Lorenzo Conte dirige gli attori sul set)

La Guerra dei Cafoni: O dialeto pugliês encontra o público português.

A eterna luta entre ricos e pobres revive numa guerra entre dois bandos de adolescentes no filme “ La Guerra dei Cafoni”, de Davide Barletti e Lorenzo Conte, apresentado em concurso na Festa do Cinema Italiano, em Portugal (www.festadocinemaitaliano.com).A protagonista é uma Puglia inédita e surpreendente, longe do estereótipo cinematográfico e representada por uma polifonia de dialectos. Mas a verdadeira originalidade do filme, é o facto de ser girado com actores, quase todos adolescentes puglieses, não profissionais, recuperados da escola, campos de futebol, estabelecimentos balneares, da estrada… Estes rapazes frequentaram, por dois meses um laboratório gratuito de formação, aprendendo as noções fundamentais do mundo do cinema. VIVA!!! Finalmente um modo original, construtivo, inovador e económico de produzir e realizar uma obra cinematográfica de qualidade. Para mais informações, é possível consultar a página facebook oficial do filme. (Na foto: Lorenzo Conte dirige os atores no set)

Giovanni Cavaliere e Sandra Gomes

Share
nuovo-cinema-paradiso

FESTA DO CINEMA ITALIANO

In Portogallo Grande successo di pubblico alla proiezione restaurata di Nuovo Cinema Paradiso

Ieri (5 di aprile), presso il Cinema UCI del Corte Inglés di Lisbona, in una sala gremita, abbiamo assistito alla proiezione della versione restaurata di “Nuovo Cinema Paradiso”, diretto da Giuseppe Tornatore e vincitore dell’Oscar nel 1989. La GRANDE affluenza di pubblico ha confermato ancora una volta, a distanza di 30° anni dalla sua uscita, che il film riesce ancora ad entusiasmare: l’applauso commosso di ieri sera lo ha dimostrato… Per info sul programma del festival: www.festadocinemaitaliano.com

Em Portugal Grande sucesso de público, com a projeção restaurada de Novo Cinema Paraíso

Ontem ( 5 de Abril), no Cinema UCI do Corte Inglês de Lisboa, numa sala cheia, assistimos à projecção da versão restaurada do “ Novo Cinema Paraíso”, dirigido por Giuseppe Tornatore  e vencedor do Óscar em 1989. A GRANDE afluência de público confirmou uma vez mais, à distância de 30 anos da sua saída , que o filme continua a entusiasmar: o aplauso comovido de ontem à noite demonstrou-o… Para informações sobre o programa do festival: www.festadocinemaitaliano.com

Giovanni Cavaliere e Sandra Gomes

Share
sicilian-ghost-story

FESTA DO CINEMA ITALIANO

Il Cinema Italiano protagonista in Portogallo

L’11° edizione della “Festa do Cinema Italiano” si apre questa sera ( 4 di aprile) con “Sicilian Ghost Story”, di Antonio Piazza e Fabio Grassadonia. La proiezione inaugurale alle ore 21.30 presso il Cinema São Jorge di Lisbona e/o il Cinema Trindade di Porto. Per info www.festadocinemaitaliano.com

O Cinema Italiano protagonista em Portugal

A 11ª edição da “Festa do Cinema Italiano” apresenta-se esta noite ( 4 de Abril) com “Sicilian Ghost Story”, de António Piazza e Fabio Grassadonia. A projecção inaugural, será às 21.30 no Cinema São Jorge em Lisboa, e/ou no Cinema Trindade do Porto. Para informações www.festadocinemaitaliano.com

Giovanni Cavaliere e Sandra Gomes

Share
Giovanni Robert Barcellona 2016

VEURE #2

Attraverso l’arte Robert Llimós racconta un sorprendente contatto con entità extraterrestri

L’ 8 giugno si è inaugurato, presso l’Espai Marc Llimós, il secondo appuntamento di VEURE, la doppia mostra che rende omaggio alla carriera quarantennale dell’artista catalano Robert Llimós. Se a Roma la mostra si é svolta in uno spazio espositivo tradizionale (VEURE #1, dal 15 marzo al 16 aprile c/o Fondazione Pastificio Cerere), a Barcellona i lavori sono inseriti nel loro habitat originario – l’atelier dell’artista – creando un percorso retrospettivo che si estende fino al porto della città, dove é possibile ammirare l’opera pubblica più importante di Llimós, la sagoma sognante del Miraestels (2006). La mostra é ancora visitabile fino all’8 luglio 2016. Assolutamente da non perdere!!! Per info www.robertllimos.es

Nella foto il nostro inviato Giovanni Cavaliere con l’artista Robert Llimós

Pietro Di Mercione

Share
Toulouse Lautrec

TOULOUSE-LAUTREC

La mostra ancora per pochi giorni all’Ara Pacis di Roma

Circa 170 opere provenienti dal Museo di Belle Arti di Budapest, in esposizione fino all’8 maggio al Museo dell’Ara Pacis di Roma in una interessante mostra su Toulouse-Lautrec, il pittore bohémien della Parigi di fine Ottocento, che ripercorre la vita dell’artista dal 1891 al 1900, poco prima della sua morte avvenuta a soli 36 anni. Per info www.arapacis.it

Giovanni Cavaliere

Share
e la musica mi gira intorno

…E LA MUSICA MI GIRA INTORNO

Maurizio Casagrande racconta la sua vita in musica

Maurizio Casagrande è ancora in scena al Teatro Golden di Roma fino al 17 aprile con “…e la musica mi gira intorno”, di cui ne è autore, regista e interprete. 50 anni di vita raccontata attraverso la musica, accompagnato da una band, ripercorre la sua vita legando i ricordi più significativi alla canzone del momento: ogni canzone da lo spunto di raccontare al pubblico aneddoti e pezzi di vita vissuta. Si parte dagli anni 50 dove i genitori di Maurizio si conoscono in un’atmosfera retrò; poi si passa agli anni 60 con canzoni legate al periodo della sua infanzia; dopodiché si passerà agli anni 70, gli anni della musica Rock di Maurizio Musicista. Poi spazio agli anni 80 dove c’è il dubbio: attore o musicista… spensierati anni della gioventù. Poi anni 90 dove si parla d’amore quasi in chiave Musical attraverso i grandi successi di Zucchero e per finire con delle divertenti riflessioni sui giorni nostri. Così Casagrande smette i panni dell’attore e del comico per prendere quelli più inusuali di musicista, batterista e cantante. Uno show poliedrico tra musica, sketch comici, racconti e aneddoti. Per info www.teatrogolden.it

Giovanni Cavaliere

Share
Veure_RobertLlimós_SpazioCerere_13

VEURE #1

Alla Fondazione Pastificio Cerere gli ALIENI di Robert Llimós

Dal 15 marzo al 16 aprile l’artista catalano Robert Llimós sarà protagonista della mostra itinerante, VEURE #1, presso la Fondazione Pastificio Cerere di Roma. Oltre 50 opere, tra dipinti, sculture, incisioni e disegni che raffigurano creature dall’aspetto enigmatico, provenienti da altre galassie, che ci riportano al costante interrogativo sulla vita extraterrestre. L’esposizione è stata concepita come un racconto, il cui obiettivo è avvicinare il pubblico alla ricerca e alla poetica di Llimós, capace di meravigliare e far riflettere grazie ai soggetti prediletti della sua più recente produzione: gli alieni. Attraverso un sapiente gioco di specchi, le opere si moltiplicano all’infinito in un suggestivo caleidoscopio in cui si mescolano tecniche e generi artistici diversi. Un’atmosfera surreale avvolge lo spettatore, la cui immagine – riflessa insieme a quella delle figure aliene – invita a meditare sulla propria condizione di uomini. Per permettere anche ai più piccoli di conoscere meglio l’opera dell’artista, la Fondazione Pastificio Cerere organizza dei laboratori creativi rivolti ai bambini in collaborazione con l’Associazione Informadarte. I partecipanti e le loro famiglie fruiranno di una piccola visita guidata dell’esposizione a cui seguirà un’attività pratica. Spazio Cerere, Via degli Ausoni 3 / Fondazione Pastificio Cerere Via degli Ausoni 7 lunedì – venerdì 15.00-19.00, sabato 16.00-20.00  www.pastificiocerere.it  La mostra a giugno si sposterà nella casa-studio dell’artista a Barcellona.

Giovanni Cavaliere

Share